IL CASO WARTSILA A TRIESTE: UNA BATTAGLIA DECISIVA PER L’INDUSTRIA NAZIONALE

IL CASO WARTSILA A TRIESTE: UNA BATTAGLIA DECISIVA PER L’INDUSTRIA NAZIONALE

di Redazione Mentre siamo alle prese con una noiosa e spesso stucchevole campagna elettorale, ci sono fette di Paese reale che colano a picco, ed una di queste riguarda l’industria nazionale. Wärtsilä Italia nasce nel 1999 con l’acquisizione definitiva, da parte di Wärtsilä Finlandia, di ciò che rimaneva di GMT (Grandi Motori Trieste). Da come si può dedurre dal vecchio nome della società triestina, la produzione principale di Wärtsilä Italia riguarda lo sviluppo, commercializzazione e produzione di grandi motori ad uso navale o motori per generatori di corrente per centrali elettriche. Le attività di Wärtsilä in Italia attualmente occupano 1.150...

Continua a leggere
Verso le elezioni del 25 settembre. MA DOVE VANNO GLI OPERAI?

Verso le elezioni del 25 settembre. MA DOVE VANNO GLI OPERAI?

Di Mario Bozzi Sentieri Il prossimo appuntamento elettorale offre uno spaccato interessante sugli orientamenti politici del mondo del lavoro. Mentre vengono meno le appartenenze “di classe”, a spezzarsi è la storica “cinghia di trasmissione”, che aveva fatto le fortune della sinistra comunista. Il fenomeno non è nuovo. Ma oggi è esplicito e reso manifesto anche dai vertici della Cgil. A darne notizia sono stati molti organi d’informazione, con un ampio corollario di dichiarazioni e di prese d’atto, al punto da arrivare a parlare di autentico “livore” da parte del mondo del lavoro nei confronti del Pd. Da Nord a  Sud ...

Continua a leggere
Orientamenti per un Nuovo Pensiero Politico Italiano: riflessioni post elettorali

Orientamenti per un Nuovo Pensiero Politico Italiano: riflessioni post elettorali

di Francesco Marrara  In vista delle prossime elezioni politiche proveremo ad avanzare alcune riflessioni utili ad alimentare il dibattito – culturale, metapolitico e politico – post 25 settembre.  Fedeli alla linea  Al di là di alcune sfaccettature valoriali, sul piano della Politica Economica e della Politica Estera – oggi più che mai strettamente correlate – sussiste un unico comune denominatore che unisce tutte le forze politiche del cosiddetto arco costituzionale. Nei programmi economici, si percepisce un profondo retroterra liberista condito da qualche sfumatura di Welfare (ordoliberismo). In Politica Estera, invece, assistiamo alle dichiarazioni di fedeltà incondizionata al Patto Atlantico (NATO)...

Continua a leggere
ARRIVA IL TEMPO DELLA “SGLOBALIZZAZIONE”?

ARRIVA IL TEMPO DELLA “SGLOBALIZZAZIONE”?

di Mario Bozzi Sentieri Il termine non è dei più felici, ma ha una sua efficacia ed immediatezza: sglobalizzazione. In sintesi: la messa in discussione degli ultimi trent’anni caratterizzati dai mercati aperti e dall’interdipendenza economica, con risultati epocali. “La globalizzazione – scrive Pierluigi Mennitti, nell’editoriale dell’ultimo numero del quadrimestrale “Status”, dedicato alla “Sglobalization”  –  ha prodotto vincenti e meno vincenti, e anche perdenti: c’è stato chi non è riuscito ad agganciarsi al treno e c’è chi lo ha fatto andando in affanno un momento dopo essere salito sul convoglio”. Ora però molte delle vecchie certezze sono in discussione, a causa...

Continua a leggere
LA SFIDA DELL’EUROPA PROFONDA CON LO SGUARDO AL FUTURO

LA SFIDA DELL’EUROPA PROFONDA CON LO SGUARDO AL FUTURO

Di Mario Bozzi Sentieri Quella della destra antieuropeista è una delle fake più diffuse. In realtà Europa e destra politica nel nostro Paese sono sempre andate a braccetto (a differenza del Pci, del quale il Partito Democratico è l’erede, che nel 1957 fu l’unico partito italiano a votare contro la ratifica dei trattati che istituivano la CEE e l’Euratom). A partire dagli  Anni Sessanta del ‘900 “Europa Nazione Rivoluzione” è stato uno degli slogan più diffusi tra la gioventù di orientamento nazional-rivoluzionario. L’unità territoriale e spirituale del Vecchio Continente era un’aspettativa di civiltà, rispetto ai due blocchi politico-ideologici allora dominanti e...

Continua a leggere
Vacanze educative e sociali da riscoprire. Un’alternativa allo “sbraco” di massa (pagato a caro prezzo)

Vacanze educative e sociali da riscoprire. Un’alternativa allo “sbraco” di massa (pagato a caro prezzo)

di Ruggero Righetti Anni ’60. Anni di boom economico, euforia, benessere, benessere che si tocca, benessere per molti. Tutto sembra possibile, tutto si può sognare, tutto è destinato a migliorare. L’ottimismo dilaga e le ragioni non mancano. Fra i tanti “lussi” che gli italiani possono concedersi, almeno in molti, c’è quello delle vacanze, o meglio della villeggiatura. Sì, perché le vacanze non sono più riservate a pochi fortunati, non sono più uno spettacolo con pochi recitanti e molti spettatori che da esse, con non poca fatica, si attendono al più qualche integrazione ai normali guadagni, non proprio abbondanti. Adesso molti...

Continua a leggere
INDIPENDENZA STRATEGICA E STATO NELL’EPOCA DELLE EMERGENZE E DELLA GLOBALIZZAZIONE

INDIPENDENZA STRATEGICA E STATO NELL’EPOCA DELLE EMERGENZE E DELLA GLOBALIZZAZIONE

L’editoriale del secondo numero della rivista “Partecipazione”, trimestrale di storia, diritto e politica emanazione dell’Istituto di Francesco Carlesi «La guerra in Ucraina cambia tutto: bisogna proteggere le nostre risorse energetiche strategiche, non si può mettere a gara in maniera indiscriminata l’idroelettrico, col rischio di esporlo agli appetiti stranieri». Queste dichiarazioni dal sapore protezionista sono arrivate di recente dal Partito Democratico, per lungo tempo uno dei massimi sostenitori delle privatizzazioni, del libero mercato e del “vincolo esterno” che ha condizionato pesantemente, al di là dei giudizi di valore, qualsiasi scelta “sovrana” della nostra Nazione. Non solo il Pd, ma anche autorevoli...

Continua a leggere
LA SFIDA PRESIDENZIALISTA E FEDERALISTA

LA SFIDA PRESIDENZIALISTA E FEDERALISTA

di Mario Bozzi Sentieri Il federalismo non è di destra né di sinistra. E’una opzione rispetto all’esigenza del buon governo dei territori, dal Mezzogiorno al Settentrione d’Italia.  Né è la moda di un’altra stagione politica, quella della Lega impegnata ad affermare la propria identità nordista, tutta giocata sull’autonomia fiscale ed impositiva degli enti locali. Oggi, alla vigilia di un’importante scadenza elettorale, l’idea federalista va vista come una nuova sfida declinata in ragione di una più vasta riforma della Costituzione, secondo un chiaro indirizzo presidenzialista che, rispetto alla volontà di decentrare poteri e competenze, si ponga quale elemento equilibratore e garante...

Continua a leggere
CERCASI CAMPAGNA ELETTORALE “NORMALE”

CERCASI CAMPAGNA ELETTORALE “NORMALE”

di Mario Bozzi Sentieri Il fuoco di fila mass mediatico a cui sono stati sottoposti gli italiani nelle ultime settimane, da quando sono state sciolte le Camere ed è stata fissata la data delle prossime elezioni politiche, lascia   sconcertati per la faziosità e la pochezza delle sollecitazioni. Parlare di analisi è improprio. A tenere il campo sono state le invettive: l’”onda nera” immaginata da Marco Damilano; il catastrofismo di Curzio Maltese (“Se Berlusconi torna, siamo un Paese irrecuperabile”); le squadre di picchiatori, evocate da Corrado Augias; le Emme “programmatiche” di Giorgia Meloni (“Mamma, merito, mare e marchio”) assimilate a Mussolini...

Continua a leggere
DEMOCRAZIA SENZA POPOLO, IL VERO PATTO TRADITO E’ STATO QUELLO  CON GLI ELETTORI

DEMOCRAZIA SENZA POPOLO, IL VERO PATTO TRADITO E’ STATO QUELLO CON GLI ELETTORI

di Mario Bozzi Sentieri Nel recente confronto sulla fiducia al Governo Draghi c’è stato un convitato di pietra del quale in pochi hanno parlato  (a ben guardare solamente gli esponenti di Fratelli d’Italia) e  che avrebbe dovuto rappresentare il vero protagonista del confronto “democratico”. Si tratta del popolo italiano, a cui appartiene la sovranità, “che – come afferma il primo articolo della nostra Legge fondamentale –  la esercita nelle forme  e nei limiti della Costituzione”: una banalità per un sistema democratico-parlamentare a cui formalmente appartiene il nostro Paese.  Più facile  parlare – come è stato fatto in questi giorni –...

Continua a leggere